hitler_leipzig_dammilvia

 

 

 

 

 

 

(di Mirko De Frassine) – Molti giornali si occuparono di una notizia che forse non tutti conoscono! Una studentessa post universitaria, Simoni Reneè Guerrero Dias, afferma come Hitler non sia morto nel bunker in Germania dopo la disfatta della guerra! Infatti dall’analisi di una foto sembra che Hitler sia in compagnia addirittura di una donna di colore! Non solo! Pare ci siano alcune testimonianza che vedono un Hitler a passeggio in varie parti del Sud America. Ancora più sconcertante come la studentessa affermi che Hitler sia morto nel 1984 proprio in Brasile e non a Berlino nel ’45!

Il corpo di Hitler del resto non è mai stato ritrovato anche se si dice sia stato bruciato dai fedeli per evitare di lasciarlo a mani nemiche.

Nel ’44 nacque un progetto tutto tedesco chiamato Odessa, una vera e propria rete di nazisti e garantiva la fuga proprio in America latina per sfuggire alla guerra e con l’aiuto degli americani stessi: Josef Mengele e Adolf Eichmann erano tra questi!

Hitler avrebbe vissuto fino a 95 anni nel Mato Grosso con un altro nome per far perdere le sue tracce! Inoltre la studentessa afferma che Hitler avrebbe passato molto tempo in America Latina alla ricerca di qualcosa di prezioso con le indicazioni di una mappa fornita da alleati in Vaticano.

Tutto interessante! Sembra di essere in un libro di Dan Brown o le recenti avventure raccontate in Da Vinci’s demons!

La studentessa non si è data per vinta chiedendo un confronto del DNA tra un discendente di Hitler e Adolf Leipzig, nome fittizio usato da Hitler! Del resto pare che i test condotti sul Dna siano stati fatti in precedenza non sui resti di Hitler ma sul cranio di una donna.

Mistero!