(di Mirko De Frassine) – Dal 1° Settembre è entrato in vigore l’accordo siglato per il contratto a progetto telecomunicazioni per tutti gli operatori outbound (chiamate in uscita per vendere servizi). Per tutti coloro che sono occupati presso aziende di telecomunicazioni e hanno un contratto a progetto, il livello di inquadramento deve far riferimento al minimo orario del 2° livello del CCNL Telecomunicazioni e prevedere un fisso garantito basico.

Come riporta il sito http://www.teleconsul.it/pianetalavoro/primo-piano.aspx?id=265687
al fine di permettere al mercato di adeguare i costi ai ricavi e di riallineare i diversi sistemi in atto per il riconoscimento del corrispettivo ai Collaboratori, le Parti convengono sull’applicazione, con le decorrenze di seguito indicate delle seguenti percentuali del suddetto livello retributivo:

1/10/2013 60%
1/1/2015 70%
1/1/2016 80%
1/1/2017 90%
1/1/2018 100%

Inoltre verrà istituito un ente bilaterale a partire dal 2014 che provvederà a tutelare il lavoratore in alcuni casi.
Vi ricordiamo che i contratti a progetto o continuativi hanno diritto alla disoccupazione requisiti ridotti Inps http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=5801